domenica 14 agosto 2016

Internet: 25 anni fa il primo sito web, nel 2014 oltre un miliardo di siti

Sono passati 25 anni dalla nascita del primo sito Internet. Oggi i siti web sono oltre un miliardo. Quelle legate alla rete sono tra le invenzioni che hanno maggiormente trasformato abitudini e società. Quasi ogni ambito - dal lavoro alla politica, dalla scuola alla sanità e all'economia - è interessato da questa rivoluzione che continua a condizionare, tra limiti e potenzialità, il vivere quotidiano. Il servizio di Amedeo Lomonaco: 

E’ il mese di agosto 1991: nasce il primo sito web messo on line dal Cern, il centro di ricerca di Ginevra, che per finalità scientifiche mette a disposizione di studiosi e di scienziati un database. La logica è quella degli ipertesti e di pagine collegate tra loro tramite link. E’ uno dei primi passi della rivoluzione digitale.
Da Arpanet a www
Questo storico traguardo è preceduto, nel 1969, dalla creazione di una rete di computer, Arpanet, creata dal Dipartimento di Difesa degli Stati Uniti con scopi militari. Ma solo nel 1991, con l’avvento del World Wide Web, nasce l’epoca della tripla W. Comincia l’era della condivisione di massa delle informazioni.

Internet, universo in espansione
La rete prende subito forma e si espande. Nascono i primi motori di ricerca. Diventano familiari, in casa e in ufficio, i modem per connettersi ad Internet. I siti hanno in genere una grafica essenziale anche perché sono ancora processi lenti il caricamento delle pagine web e il completamento dei download.

Nel 2014 oltre un miliardo di siti
Nel 1995 i siti in rete sono meno di 25mila. Ma solo 4 anni dopo, nel 1999, si supera la soglia di un milione. Nel 2014 viene superato il traguardo di un miliardo di siti web. A distanza di 25 anni da quel primo sbarco sulla rete, gli utenti sono oltre 3 miliardi e mezzo. Si stima che nel 2020 saranno oltre 4 miliardi le persone connesse. Amedeo Lo Monaco, Radio Vaticana, Radiogiornale del 14 agosto 2016.

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.