martedì 9 agosto 2016

Festival del Vittoriale Tener-a-mente, edizione 2016: pubblico in aumento e 9 sold-out

Continua la tendenza positiva del Festival del Vittoriale Tener-a-mente, che chiude l'edizione 2016 con grande soddisfazione dell’organizzazione e dello staff: il pubblico è cresciuto del 3,5% rispetto al 2015, attestandosi a quasi 16.000 spettatori totali e confermando un indice di riempimento dell'anfiteatro (1470 posti a sedere) vicinissimo al 100%, con una media di 1462 persone a sera.

Il 2016 sancisce anche il definitivo successo della rassegna Tener-a-mente Oltre, a cui il Festival affida i concerti più sofisticati e sperimentali nella suggestiva cornice del Laghetto delle Danze e che quest'anno, oltre al consueto apprezzamento della stampa, ha registrato un aumento di pubblico di oltre il 40%.

9 gli spettacoli tutti esauriti, rispetto ai 7 dello scorso anno: un dato ancor più confortante se paragonato all’andamento altalenante del panorama nazionale.

"E' un risultato davvero molto positivo", commenta Viola Costa, direttore artistico del Festival, "e sarebbe stato ancor più eclatante se avessimo potuto esaudire le centinaia di richieste rimaste insoddisfatte per The Lumineers e i Kings of Convenience, che hanno terminato i biglietti ordinari rispettivamente in  una settimana e in meno di un mese e per i quali non è stato possibile effettuare overbooking".

Anche quest’anno gli spettatori del Festival sono arrivati a Gardone Riviera da ogni parte del mondo (31 Paesi): come al solito Germania su tutti, poi Gran Bretagna, Svizzera, Austria, Stati Uniti e Russia. Per Steven Wilson il pubblico più esotico, con spettatori da Israele, Vietnam, Finlandia e Australia.

A conferma della solidità di Tener-a-mente, il dato più significativo è che, rispetto alla stagione 2015, a fronte di un aumento globale degli spettatori è calato considerevolmente il pubblico bresciano (- 16%) e, più in generale, lombardo (- 12%), a favore di quello nazionale e internazionale. Segno che il Festival è sempre più oggetto d'attenzione a livello nazionale e che, quand'anche la vicina città di Brescia aumenti di molto la propria offerta, com'è accaduto quest'anno, Tener-a-mente ha ampi bacini a cui attingere.

Per Alessio Boni una fan appassionata (Mirjana Moffat, di cui alleghiamo foto scattata al Laghetto delle Danze) ha comprato online dalla Nuova Zelanda: appassionata di teatro e di lingua italiana, si è regalata viaggio e biglietto per i propri 50 anni.

Grande seguito anche sui social, con i seguaci di Facebook saliti da 16.000 a oltre 22.000. Anche il sito web è stato strumento molto apprezzato: a luglio le visite hanno superato ogni giorno le 1.000 unità; il picco si è registrato in aprile, quando oltre 3.000 persone hanno seguito online l'annuncio dell'intero cartellone.

Molto apprezzato anche Tener-a-mente a quattro zampe, che per il secondo anno, in collaborazione con Purina, ha reso accessibile l’anfiteatro a più di 60  cani al seguito dei loro padroni (in allegato una fotografia dell’ospite con pelo Alvin Brodo, arrivato da Bergamo ad ascoltare Joan Baez). Del resto è stato l'anno dei cani anche dietro le quinte: Steven Wilson, The Lumineers e Blonde Redhead sono arrivati a Gardone Riviera con i propri amici a 4 zampe, che durante i sound-check dei loro padroni hanno apprezzato le lunghe passeggiate nel parco del Vittoriale degli Italiani, sulle orme dei levrieri tanto amati e qui allevati da d'Annunzio.

Il presidente del Vittoriale, Giordano Bruno Guerri, chiosa così il successo di un anno particolarmente felice per il Vittoriale: "La crescita di Vittoriale Tener-a-mente accompagna quella del Vittoriale, che anche quest'anno ha un aumento di visitatori di oltre il 10 per cento. La possibilità di acquistare biglietti congiunti e scontati per il Vittoriale, il MuSa e il Festival è un ulteriore stimolo alla crescita della bellezza e del turismo, che verrà ulteriormente incrementata dalla nascita di GardaMusei Tener-a-mente."

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.