lunedì 25 luglio 2016

Festival Segreti d’Autore: Pio d’Emilia racconta i suoi 3 anni di reportage sulla centrale nucleare di Fukushima

Il secondo appuntamento del Festival Segreti d’Autore racchiude in sé la magia di Serramezzana, il più piccolo comune del Cilento storico, e l’importanza di un argomento quale Il Nucleare. Il 26 luglio, nella caratteristica Piazza XX Settembre, Pio d’Emilia, corrispondente SkyTG24 in Giappone e premio giornalista dell’anno 2016, racconta i suoi tre anni di reportage sulla centrale nucleare di Fukushima.

Era l’11 marzo 2011 quando il terremoto di Sendai di magnitudo 9,0 con epicentro in mare, e il successivo tsunami, colpirono il Giappone settentrionale al largo della costa della regione di Tohoku. A tutt'oggi si tratta del sisma più potente mai misurato in Giappone e il settimo a livello mondiale. Terremoto e tsunami furono anche la causa dell’incidente nucleare di Fukushima, il più grave mai registrato dopo quello di Cernobyl. Un incidente per molti versi tutt’ora in corso.
Il racconto del giornalista Pio d’Emilia, l'unico ad essere arrivato davanti ai cancelli della centrale nucleare di Fukushima, si alterna allo sguardo dell’uomo nel tentativo di delineare le prospettive di un paese interamente da ricostruire e minacciato da un altro possibile "tsunami", quello nucleare i cui danni sono tutt’ora imprevedibili.
Dopo l’incontro con il giornalista seguirà la proiezione del docufilm Fukushima: A nuclear story, Christine Reinhold e Matteo Gagliardi uniscono in questo documentario - risultato di tre anni di ricerche - la storia di un giornalista, Pio d'Emilia, che non ha abbandonato il suo lavoro nel momento di maggior pericolo nucleare, i dubbi e i timori di un uomo nei giorni seguenti la triplice tragedia di Fukushima e la ricerca di ciò che è veramente accaduto nella centrale nucleare di Fukushima Daichii. In una intervista inedita l’ex Primo Ministro Naoto Kan rivelerà come Tokyo, e probabilmente il Giappone, si siano salvati per un caso fortuito da una catastrofe ben più grande. 

Fukushima: A Nuclear Story offre un punto di vista totalmente inedito della tragedia, narrata dalla voce di Massimo Dapporto. Pio d’Emilia, corrispondente di Sky TG24 che vive in Giappone da più di trent’anni e il primo giornalista straniero ad essere entrato nella cosiddetta “zona proibita” e a raggiungere la centrale nucleare, ripercorre i primi giorni della triplice tragedia che ha colpito Fukushima.
Fukushima: A nuclear story, vincitore di numerosi premi tra cui il Dig Awards di Rimini, è prodotto da Teatro Primo Studio - Film Beyond, diretto e montato da Matteo Gagliardi, scritto da Christine Reinhold, Matteo Gagliardi e Pio d’Emilia, ha esordito in prima tv l’11 Marzo sui canali Sky Tg24 e su Sky Cinema Cult (la voce narrante nella versione italiana è di Massimo Dapporto, in quella internazionale è di Willem Dafoe).
Durante la settimana del quinto anniversario dello Tsunami, Fukushima: A Nuclear Story è stato trasmesso in 3 continenti. In Italia Sky TG24 e Sky Cinema Cult HD lo hanno messo in onda l’11 marzo. Tra le reti che hanno acquistato Fukushima: A Nuclear Story troviamo Al Jazeera America, 24Doc (Russia), NRK (Norvegia), RTVE (Spagna), CBC (Canada), TSR (Svizzera), UR (Svezia), DR (Danimarca), Rialto Channel (Nuova Zelanda), TV3 (Spagna), Planete TV (Francia).
Fukushima: A Nuclear Story è stato presentato per la prima volta in Giappone - Tokyo il 10 Maggio all’Istituto Italiano di Cultura e il 16 Maggio al Foreign Correspondent's Club of Japan, mentre il 26 Aprile in Polonia - Danzica - Première polacca - all’Europejskie Centrum Solidarnosci. Il film ha vinto il premio come Best Documentary Feature all' URANIUM FILM FESTIVAL di Rio de Janeiro e il premio DIG Award nella sezione Long Reportage a Riccione. È stato selezionato al festival CinemAmbiente di Torino e ha partecipato fuori concorso al 18TH FAR EAST FILM FESTIVAL e al Pesaro Doc Fest.
Fukushima: A Nuclear Story è visibile su Vimeo On Demand:



Estratto dalla bio di Pio d’Emilia fonte

Pio d'Emilia, giornalista e yamatologo
Vivo e lavoro in Asia, soprattutto in Giappone, da oltre trent’anni. Ci sono arrivato come giovane procuratore legale, con una borsa di studio per studiare la procedura penale comparata, il mio sogno era di fare l’avvocato penalista in qualche grosso studio legale internazionale. Ma il Giappone, cui mi ero avvicinato dopo aver letto i libri di Fosco Maraini, Roland Barthes e Jon Hallyday mi ha “stregato” e ho finito per restarci. Oltre a scrivere per varie testate italiane e straniere (Espresso, Manifesto, Tokyo Shinbun, Japan Focus) ho fatto un po’ di tutto, dal traduttore al consigliere politico e ghostwriter di uomini politici, tra i quali l’ex premier Naoto Kan.
Da alcuni anni lavoro per Sky Tg24 ma la televisione non mi basta. Mi piace scrivere, raccontare, condividere quello che, giorno dopo giorno, mi capita di vedere. Come ho fatto in occasione della tragedia di Fukushima, esperienza che mi ha profondamente segnato e sulla quale ho scritto un libro, Tsunami Nucleare.
La serata sarà introdotta da Elisabetta Nepitelli Alegiani.


L’ingresso agli eventi è gratuito.

CREDITS & INFO Regia: Matteo Gagliardi Sceneggiatura: Christine Reinhold, Matteo Gagliardi, Pio d’Emilia Riprese: Pio d’Emilia, Guillaume Bression Liberamente tratto dal libro “Tsunami Nucleare” di Pio d’Emilia Produzione: Teatro Primo Studio – Film Beyond Produttori esecutivi: Christine Reinhold, René Bourdages, Matteo Gagliardi Supervisore alla post produzione: Matteo Gagliardi Assistente di produzione: Marta Gara Voce narrante: Willem Dafoe (versione internazionale), Massimo Dapporto (versione italiana) Manga Artwork: Ilaria Gelli, Nicola Ronci (Accademia Europea Di Manga) Musiche: Fabrizio Campanelli Musiche addizionali: Enrico Goldoni Musica eseguita da: Budapest Symphony Orchestra diretta da Enrico Goldoni Effetti speciali: Xavier Corbeau, Francesco Surace, G. De Laurentis, Leonardo Paolini, A. Pepe Fotografie: Pierpaolo Mittica, Kenji Higuchi Advisor Scientifico: Marco Casolino Distribuzione internazionale: Films Transit Durata: 84’

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.