sabato 18 giugno 2016

Globe Theatre, il 20 giugno l’evento CIELI DI ROMA. Simona Marchini: dobbiamo essere più disponibili, più aperti

Il 20 giugno alle 21,30 al Globe Theatre di Villa Borghese ci sarà l’evento CIELI DI ROMA, nato da un gruppo di amici motivati dallo stesso amore per la città per riaffermare la dignità attraverso un rinnovato impegno dell’arte e della cultura che nel corso degli anni ha contribuito a garantire il nostro presente.
L’obiettivo è vivere Roma come collettività di scambio e civiltà per restituirle i Fasti Culturali di un tempo. All’evento parteciperanno moltissimi artisti che saliranno sul palco e leggeranno o diranno qualcosa. Tra gli altri Gigi Proietti che li ospita, l’adesione di Franca Valeri ed Andrea Camilleri, l’Accademia d’arte drammatica Silvio D’Amico, l’Orchestra di Piazza Vittorio. Esistendo in maniera più palese vedranno premiati i loro sforzi. “Se non si comincia dai bambini che futuro abbiamo”? Come diceva Giovanni Bollea “I bambini devono essere protagonisti dell’arte”.
Simona Marchini: “CIELI DI ROMA” è un evento che nasce spontaneamente e miracolosamente con un gruppo di persone con i quali ci frequentiamo da moltissimi anni. Parte da una frase che ci ha colpito molto Roma non ha gli anticorpi, Milano sì! Vorremmo dire basta a questa antitesi dando un’immagine reale della città di Roma dove c’è una straordinaria vita culturale ed artistica, soprattutto tra i giovani che conoscono la passione, quella pulsione forte che ha sempre portato avanti chi ha più contenuti, più idee, più coraggio, spinge avanti altri. Coinvolgiamo tutto il mondo della cultura, questo mondo esiste e crea un tessuto nella città. Purtroppo viviamo nelle separazioni, la tecnologia, l’uso dei bambini in TV che fa ribrezzo. Dobbiamo fuggire da questi modelli e dobbiamo ricominciare. Dobbiamo essere più disponibili, più aperti. Il secondo passo è quello di creare un piccolo fondo per fare delle cose concrete tipo l’insegnamento artistico a partire dai più giovani. Da questa profonda solitudine, nasce un grande disagio ed è con grande coraggio che dobbiamo uscirne, dimostrando che in Italia c’è anche qualcos’altro. La nostra Storia bisogna conoscerla, amarla e custodirla”. Marco Lodoli: “Approvo moltissimo ciò che ha detto Simona, in città non va tutto male. Il film “Lo chiamavano Jeeg Robot” è di un giovane Regista romano che si è aggiudicato il Premio David di Donatello come Miglior regista esordiente. Lo scrittore Edoardo Albinati è candidato al Premio Strega con “La Scuola Cattolica”. Zero Calcare vive nel quartiere Rebibbia ed ha realizzato un’opera di street-art nella fermata della metropolitana. La non- band “I cani” è romana così come lo sono gran parte di pittori e registi. Roma ha una capacità creativa incredibile. Non vogliamo negare le buche ma bisogna guardarle dall’alto. Gli artisti devono creare un immaginario. Bisogna abbandonare la superbia di far salire sul carro dei vincitori chiunque. Il cielo è una metafora, racconteremo gli angoli della città. Pasolini diceva che bisogna guardare tutto dalle nuvole. Bisogna pensare un po’ in grande. La cultura è anche l’anima della città. Giuliano Montaldo: Sono arrivato a Roma negli anni 50, intraprendendo una carriera precaria. Zavattini mi esortava a prendere le battute che si sentivano nei vicoli di Roma. E’ una città che continuo ancora a scoprire. Bisogna far capire ai ragazzi chi eravamo e chi siamo. Ladri di biciclette, Umberto D sono stati dei capolavori del neorealismo ma in parte sono ancora attuali. Sono stato invitato ad inaugurare un cinema dai ragazzi di una scuola elementare di Narni che avevano voluto trasformare l’aula più grande in una sala cinematografica. Le loro domande mi hanno emozionato. Il porto fortunato è ancora l’ideologia di battersi e l’unica bandiera deve essere la cultura. Valentina Carnelutti: Ho detto subito sì a questa proposta culturale attiva perché accade raramente che si faccia una cosa del genere. L’augurio è quello di essere comunicativi dei piccoli pezzi di cultura che abbiamo e di avere la possibilità di creare un legame attraverso le generazioni ed un legame della città con i turisti che rappresentano una grande possibilità. Il cielo potrebbe essere in grado di abbracciare tutti. Un po’ come racconta Ennio Flaiano in Un marziano a Roma, l’astronave atterrata a villa Borghese fa credere agli intellettuali che sia l’inizio di una nuova era con prospettive immense ed imperscrutabili. Nicola Bultrini: La cronaca degli ultimi mesi ha indispettito noi romani perché siamo stati messi in cattiva luce. Roma è una città ricchissima sia punto di vista culturale. C’è una ricchezza spirituale che viene condivisa in tutti i sensi. L’Orchestra di Piazza Vittorio multietnica è una eccellenza di cui possiamo fregiarci. L’iniziativa è bella nella sua spontaneità. Bisogna sensibilizzare le istituzioni per questa realtà non significa chiedere dei soldi ma anche di non creare ostacoli burocratici. Bisogna non far disperdere il calore umano!

Elisabetta Ruffolo

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.