mercoledì 8 giugno 2016

Etna: la granita profanatrice e la vendetta dell'Uomo Preistorico

Leggo che un gruppetto di escursionisti in visita alla Grotta del Gelo, protettissimo gioiello dell’Etna così chiamato per il suo ghiaccio perenne, ha usato il medesimo per farcisi una bella granita accompagnata da brioches.
Non è stato un atto di irresponsabilità per il quale si potrebbe invocare la temporanea infermità, un raptus;  ma un atto deliberato e preparato con cura - tant’è che i protagonisti sono arrivati sul posto con l’attrezzatura necessaria, e poi hanno pubblicato su FB e Youtube foto e filmato della bravata. La cosa è grave, perché la Grotta del Gelo fa parte della zona A del parco dell’Etna, ricade in Area di Interesse Comunitario e vi è proibilta l’asportazione di qualsiasi cosa.
Del gruppetto facevano parte guide di due associazioni diverse - ma almeno una delle due si sarebbe dissociata dicendo che “la sua guida era lì con gli altri visitatori, ma non li accompagnava”. L’evento è comparso anche sul sito Siciliaincammino, che però ha fatto sapere di "non essere responsabile della pubblicità".
Secondo voi come andrà a finire?
Io dico che non succederà niente.
L’unica speranza è riposta nella vendetta ell’Uomo Preistorico.
Mi auguro che qualche decina di migliaia di anni fa uno di loro abbia depositato in un angolo della grotta il suo bisognone quotidiano e che questo, con il suo carico di paleobatteri, sia andato a far parte della granita, con conseguente inarrestabile, vulcanica botta erutto-esplosiva di diarrea che costringa a lungo sul water i moderni profanatori.
Se questa cosa dovesse verificarsi sul serio, pretendo il copyright, anche perché ho pronto il nome:
Paleobacter Diarroicus Graniticus Etnae.
Carlo Barbieri

Carlo Barbieri
Carlo Barbieri è uno scrittore nato a Palermo. Ha vissuto a Palermo, Catania, Teheran, il Cairo e adesso fa la spola fra Roma e la Sicilia. Un “Siciliano d’alto mare” secondo la definizione di Nisticò che piace a Camilleri, ma “con una lunga gomena che lo ha sempre tenuto legato alla sua terra”, come precisa lo stesso Barbieri. Scrive su Fattitaliani, NitroNews, Il Fatto Bresciano, QLnews, Sicilia Journal e Malgrado Tutto, testata su cui hanno scritto Sciascia, Bufalino e Camilleri. Ha scritto fra l’altro “Pilipintò-Racconti da bagno per Siciliani e non”, i gialli “La pietra al collo” (Todaro Editore, ripubblicato da IlSole24Ore) e “Il morto con la zebiba” (candidato al premio Scerbanenco) e “Uno sì e uno no”, una raccolta di racconti pubblicata da D. Flaccovio Editore. Suoi scritti sono stati premiati alla VI edizione del Premio Internazionale Città di Cattolica, al IV Premio di letteratura umoristica Umberto Domina e alla VII edizione del Premio Città di Sassari e al Premio Città di Torino. I suoi libri sono reperibili anche online, in cartaceo ed ebook, su LaFeltrinelli.it e altri store.